L'amministrazione del chiamato all'eredità

Nelson Alberto Cimmino
15 Ottobre 2020

Il chiamato all'eredità è immediatamente, anche prima dell'accettazione dell'eredità, titolare di una serie di poteri giuridici. Egli può esercitare le azioni possessorie a tutela dei beni ereditari; può compiere atti conservativi, di vigilanza e di amministrazione temporanea, e può farsi autorizzare dall'autorità giudiziaria a vendere i beni che non si possono conservare o la cui conservazione importa grave dispendio.

Vuoi leggere tutti i contenuti?

Attiva la prova gratuita per 15 giorni, oppure abbonati subito per poter
continuare a leggere questo e tanti altri articoli.