Il principio del favor partecipationis negli appalti pubblici: controllo sui requisiti di idoneità professionale

Sonia Caldarelli
22 Settembre 2023

Il principio del favor partecipationis postula che l'interprete deve essere orientato nel senso di escludere dal novero dei partecipanti soltanto coloro per i quali non sia possibile addivenire ad un giudizio di globale affidabilità professionale.

Il TAR Lazio ha rammentato che, in forza del principio del favor partecipationis, la verifica della richiesta idoneità professionale deve essere operata in virtù di un approccio non già atomistico, parcellizzato e frazionato, ma globale e complessivo delle prestazioni dedotte in contratto.

L'interesse pubblico tutelato dalla conferente normativa in materia è, difatti, quello di assicurare l'accesso al mercato anche ai concorrenti per i quali sia possibile pervenire ad un giudizio di globale affidabilità professionale.

Secondo il Giudice, pertanto, l'accertamento della concreta coerenza della descrizione delle attività riportate nel certificato camerale con i requisiti di ammissione richiesti dalla lex specialis e con l'oggetto del contratto di appalto complessivamente considerato, va svolto sulla base del confronto tra tutte le risultanze descrittive del certificato camerale e l'oggetto del contratto di appalto, potendo altresì concorrere alla integrazione del requisito di partecipazione anche le attività cd. secondarie.

In questa prospetta si osserva che, il principio del favor partecipationis impone all'interprete di escludere dal novero dei partecipanti soltanto coloro i quali non abbiano alcuna specializzazione nel settore di interesse, e non anche coloro che abbiano svolto attività che, nel complesso considerate, siano o possano essere ritenute attinenti, tanto più nel caso in cui la lex specialis di gara non preveda la partecipazione riservata agli operatori specializzati in attività corrispondenti ad un precipuo codice ATECO espressamente indicato.

Vuoi leggere tutti i contenuti?

Attiva la prova gratuita per 15 giorni, oppure abbonati subito per poter
continuare a leggere questo e tanti altri articoli.