Uffici del Giudice di Pace di Cremona e Crema: autorizzato il deposito cartaceo degli atti

La Redazione
04 Dicembre 2023

Il Presidente del Tribunale Ordinario di Cremona, rilevate oggettive e serie problematiche nell’utilizzo del PCT presso gli uffici del Giudice di Pace, ha autorizzato gli Uffici del Giudice di Pace di Cremona e Crema al deposito con modalità non telematiche degli atti.

Nel provvedimento dell'11 luglio 2023 il Presidente del Tribunale Ordinario di Cremona da atto dell'avvio della nuova funzionalità PCT presso gli Uffici del Giudice di Pace.

Rileva, tuttavia, che, come segnalato dalle cancellerie e gli stessi uffici del Giudice di Pace del circondario, si stiano verificando «oggettive e serie problematiche nell'utilizzo della nuova funzionalità (ad esempio, blocco delle firme da remoto dei magistrati onorari e di quella digitale della cancelleria)».

Quanto rilevato – in attesa dei necessari interventi di DGSIA e localmente del tecnico CISIA – esige di far ricorso al disposto dall'art. 196-quater, comma 4, disp. att. c.p.c., laddove consente al capo dell'Ufficio di autorizzare il deposito con modalità non telematiche.

Per questi motivi, letto l'art. 196-quater, comma 4, disp. att. c.p.c., il Presidente del Tribunale ordinario di Cremona autorizza gli Uffici del Giudice di Pace di Cremona e Crema al deposito con modalità non telematiche degli atti, fino alla risoluzione dei problemi tecnici.  

Con successivo provvedimento del 10 ottobre 2023, il Presidente del Giudice di Pace di Cremona ha disposto la ripresa del deposito atti a PCT unicamente per il deposito dei decreti ingiuntivi.

L'Editore declina ogni forma di responsabilità in caso di eventuale difformità tra il contenuto pubblicato sui siti istituzionali e le prassi delle singole cancellerie.  Pertanto, si invita a verificare sempre con la cancelleria dell'ufficio giudiziario di interesse eventuali aggiornamenti.