Decreto legislativo - 3/04/2006 - n. 152 art. 308 - (Costi dell'attività di prevenzione e di ripristino)

Francesco Agnino

(Costi dell'attività di prevenzione e di ripristino)

1. L'operatore sostiene i costi delle iniziative statali di prevenzione e di ripristino ambientale adottate secondo le disposizioni di cui alla parte sesta del presente decreto.

2. Fatti salvi i commi 4, 5 e 6, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio recupera, anche attraverso garanzie reali o fideiussioni bancarie a prima richiesta e con esclusione del beneficio della preventiva escussione, dall'operatore che ha causato il danno o l'imminente minaccia, le spese sostenute dallo Stato in relazione alle azioni di precauzione, prevenzione e ripristino adottate a norma della parte sesta del presente decreto.

3. Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio determina di non recuperare la totalità dei costi qualora la spesa necessaria sia maggiore dell'importo recuperabile o qualora l'operatore non possa essere individuato.

4. Non sono a carico dell'operatore i costi delle azioni di precauzione, prevenzione e ripristino adottate conformemente alle disposizioni di cui alla parte sesta del presente decreto se egli può provare che il danno ambientale o la minaccia imminente di tale danno:

a) è stato causato da un terzo e si è verificato nonostante l'esistenza di misure di sicurezza astrattamente idonee;

b) è conseguenza dell'osservanza di un ordine o istruzione obbligatori impartiti da una autorità pubblica, diversi da quelli impartiti a seguito di un'emissione o di un incidente imputabili all'operatore; in tal caso il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio adotta le misure necessarie per consentire all'operatore il recupero dei costi sostenuti.

5. L'operatore non è tenuto a sostenere i costi delle azioni di cui al comma 5 intraprese conformemente alle disposizioni di cui alla parte sesta del presente decreto qualora dimostri che non gli è attribuibile un comportamento doloso o colposo e che l'intervento preventivo a tutela dell'ambiente è stato causato da:

a) un'emissione o un evento espressa mente consentiti da un'autorizzazione conferita ai sensi delle vigenti disposizioni legislative e regolamentari recanti attuazione delle misure legislative adottate dalla Comunità europea di cui all'allegato 5 della parte sesta del presente decreto, applicabili alla data dell'emissione o dell'evento e in piena conformità alle condizioni ivi previste;

b) un'emissione o un'attività o qualsiasi altro modo di utilizzazione di un prodotto nel corso di un'attività che l'operatore dimostri non essere stati considerati probabile causa di danno ambientale secondo lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche al momento del rilascio dell'emissione o dell'esecuzione dell'attività.

6. Le misure adottate dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio in attuazione delle disposizioni di cui alla parte sesta del presente decreto lasciano impregiudicata la responsabilità e l'obbligo risarcitorio del trasgressore interessato.

Inquadramento

La norma in questione è espressione del carattere sanzionatorio della normativa in tema di danno ambientale, prevedendo la possibilità da parte del Ministero di imporre garanzie reali o fideiussorie a prima richiesta al fine di salvaguardare l'ambiente da possibili danni, salva la possibilità per l'operatore di sottrarsi dai costi delle azioni di precauzione ovvero prevenzione dando prova che il fatto è imputabile al terzo ovvero al factum pricipis.

Bibliografia

Basso, L'imprescrittibilità del danno ambientale, in Dir. e giust. 2011, 60; Bozzo, Il danno ambientale, Milano, 1998; De Leonardis, La Corte costituzionale sul codice dell'ambiente tra moderazione e disinvoltura (commento a Corte costituzionale, 22 luglio 2009, n. 225; n. 235; n. 247; n. 249), in Riv. giur. edil. 2009, 1455; Cordini, La tutela dell'ambiente idrico in Italia e nell'Unione Europea, in Riv. giur. amb. 2005; Dell'Anno, La tutela dell'ambiente come «materia» e come valore costituzionale di solidarietà e di elevata protezione, in Amb. e svil. 2009; De Santis, Bonifica dei siti contaminati. Profili di responsabilità penale, in Resp. civ. e prev. 2007; Di Landro, Bonifiche: il labirinto della legislazione ambientale dove le responsabilità penali «si perdono», in Diritto pen. contemp., 2014; Feola, Danni ambientali e successione di leggi nel tempo, in Resp. civ. e prev. 2012; Fermeglia, Chi inquina ripara: imputazione della responsabilità per danno ambientale e risarcimento dopo la legge europea 2013, in Resp. civ. e prev. 2015; Fimiani, La tutela penale dell'ambiente, Milano, 2011; Fimiani, La risarcibilità del danno alla persona da illecito ambientale, in Giust. civ. 2010, 93; Gerardo, Risarcimento del danno ambientale: natura giuridica unitaria dell'illecito e normativa applicabile alle condotte lesive ante novella sui criteri di ristoro di cui alla direttiva Cee 2004/35/CE e norme attuative interne, in Rass. Avv. St., 2011; Greco, Vademecum dell'illecito ambientale: la sentenza Fiale, in Resp. civ. e prev. 2007, 2081; Greco, Il danno ambientale tra innovazioni legislative ed applicazioni giurisprudenziali, in Resp. civ. e prev. 2007, 1262; Franzini, I metodi di valutazione economica e il danno ambientale: le ragioni di un difficile rapporto, in La responsabilità per danno all'ambiente, Milano, 2006; Maddalena, L'ambiente: riflessioni introduttive per una sua tutela giuridica, in Amb. e svil. 2007, 479; Malinconico, I beni ambientali, vol. V, in Trattato di diritto amministrativo (a cura di Santaniello), Padova, 1991; Mantovani, Diritto penale, Milano, 2001; Meli, Il risarcimento del danno ambientale, in Nuova giur. civ. comm., 2011, Micheletti, sub art. 257 d.lgs. 3 aprile 2006 n. 152, in Giunta (a cura di), Codice commentato dei reati e degli illeciti ambientali, Padova, 2007; Monti, L'assicurabilità del rischio ambientale in prospettiva europea, in Pozzo (a cura di), La nuova responsabilità civile per danni all'ambiente, Milano, 2002; Morlacchini, Osservazioni sul diritto delle associazioni ambientaliste al risarcimento conseguente al danno ambientale (nota a Cass., sez. III pen., 21 maggio 2008 (ud.); 16 settembre 2008 (dep.) n. 35393), in Cass. pen., 2009, 3898; Padovani, Diritto penale, Milano, 2012; Palomba, Diritto dell'ambiente e diritto all'ambiente: spunti di riflessione, in altalex.com, 13 agosto 2007; Pericola, Chi inquina paghi anche i danni esistenziali e i danni psichici!, in ambientediritto.it; Perin, Il risarcimento del danno ambientale: concorrenti profili di responsabilità amministrativa, in lexitalia.it, 2007, n. 7-8; Pozzo, La responsabilità civile per danni all'ambiente tra vecchia e nuova disciplina, in Riv. giur. amb. 2007; Rossi, Diritto dell'ambiente, Torino, 2008; Salanitro, Tutela dell'ambiente e strumenti di diritto privato, in Rass. dir. civ., 2009; Salanitro, Quantificazione del danno ambientale e prescrizione: il punto della Cassazione tra vecchia e nuova disciplina, in Danno e resp. 2011; Scardina, Le «perdite provvisorie» quali componenti del danno ambientale risarcibile, in Riv. giur. amb. 2008; Scardina, Sulla c.d. transazione ambientale, in Riv. giur. amb. 2011; Schiesaro, Gli aspetti sanzionatori della responsabilità per danno ambientale alla luce della nuova direttiva, in Pozzo (a cura di), La responsabilità ambientale, Milano, 2005.

Vuoi leggere tutti i contenuti?

Attiva la prova gratuita per 15 giorni, oppure abbonati subito per poter
continuare a leggere questo e tanti altri articoli.

Sommario