Tempo tuta: rientra nell’orario di lavoro ove per motivi di igiene la divisa debba essere indossata sul luogo di lavoro?

Teresa Zappia
11 Gennaio 2024

Ai fini della riconducibilità entro l'orario di lavoro del tempo necessario per indossare gli indumenti aziendali, non è imprescindibile l'espressa eterodirezione di tale fase preparatoria, potendo rilevare anche esigenze quali quelle igieniche connesse al lavoro svolto.

È da includere nell'orario di lavoro il tempo necessario ad indossare la divisa aziendale qualora ciò non venga direttamente imposto dal datore, ma sia determinato da obbiettive ragioni di igiene, in stretta relazione con le mansioni svolte dal lavoratore?

Sulla questione è consolidato l'orientamento secondo il quale nel rapporto di lavoro subordinato, anche alla luce dell'interpretazione del giudice europeo della direttiva n. 2003/88/CE , il tempo necessario ad indossare la divisa aziendale rientra nell'orario di lavoro se è assoggettato al potere di conformazione del datore. È stato precisato che l'eterodirezione può derivare non solo da un'esplicita disciplina d'impresa, ma anche risultare implicitamente dalla natura degli indumenti, o dalla specifica funzione che essi devono assolvere, quando gli stessi siano diversi da quelli utilizzati o utilizzabili secondo un criterio di normalità sociale dell'abbigliamento.

Sulla questione sottoposta si dovrà, allora, distinguere tra una “fase finale”, che è direttamente assoggettata al potere di conformazione del datore che ne disciplina il tempo, il luogo e il modo e che rientra nell'orario di lavoro, ed una “fase preparatoria”, relativa a prestazioni o attività accessorie e strumentali, da eseguire nell'ambito della disciplina d'impresa ed autonomamente esigibili dal datore, ma rimesse alla determinazione del dipendente nell'ambito della libertà di disporre del proprio tempo, che non costituisce orario di lavoro.

Qualora, invece, sia accertata, nei termini sopra indicati, l'eterodeterminazione del tempo e del luogo ove indossare la divisa o gli indumenti necessari per la prestazione lavorativa, il tempo necessario per la vestizione e svestizione rientrerà nell'ambito dell'orario di lavoro. Possono, quindi, determinare un obbligo di indossare la divisa sul luogo di lavoro anche ragioni d'igiene imposte dalla prestazione da svolgere ed anche la qualità degli indumenti, sicché non sarebbe ragionevolmente ipotizzabile che essi possano essere indossati al di fuori del luogo di lavoro, eliminando la libertà del dipendente in ordine al momento in cui procedere a tale attività preparatoria.