Finanziaria 2024: locazioni brevi con cedolare secca al 26%

La Redazione
08 Gennaio 2024

La nuova Legge Finanziaria prevede che ai redditi da locazione breve sia applicabile il regime impositivo alternativo dell’imposta in forma di cedolare secca, con aliquota al 26 per cento per chi vi aderisca; la aliquota è ridotta al 21 per cento per i redditi derivanti dai contratti di locazione breve relativi ad una unità immobiliare individuata dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi.

La Legge di Bilancio 2024 (Legge 30 dicembre 2023, n. 213) modifica la disciplina fiscale sulle locazioni brevi di beni immobili. Nel dettaglio, il comma in esame, come sostituito dal Senato, modifica il regime fiscale delle locazioni brevi contenuto nell'articolo 4 del decreto-legge n. 50 del 2017, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 96 del 2017.

In particolare, l'art. 1, comma 63, della l. n. 213/2023:

  • aumenta dal 21 al 26 per cento l'aliquota di imposta in forma di cedolare secca applicabile ai redditi derivanti dai contratti di locazione breve stipulati da persone fisiche, in caso di destinazione alla locazione breve di più di un appartamento per ciascun periodo d'imposta; la aliquota è ridotta al 21 per cento per i redditi derivanti dai contratti di locazione breve relativi ad una unità immobiliare individuata dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi;

  • prevede per i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, ovvero che gestiscono portali telematici, qualora incassino o intervengano nel pagamento dei canoni relativi ai contratti in questione, la ritenuta venga operata a titolo di acconto;

  • modifica le modalità di adempimento agli obblighi derivanti dalla disciplina fiscale sulle locazioni brevi distinguendo tra soggetti residenti fuori dall'Unione Europea e soggetti residenti nell'Unione Europea che non dispongano di una stabile organizzazione in Italia.

In sintesi, secondo i primi commentatori della normativa, se è concesso in locazione breve un solo immobile, l'aliquota è pari al 21 per cento; se sono concessi in locazione breve più immobili, su uno (a scelta del contribuente) si applica l'aliquota del 21% mentre sugli altri si applica il 26 per cento.