Contributo per l'installazione di colonnine di ricarica elettrica

La Redazione
15 Febbraio 2024

Contributo a privati e condomini per l'acquisto e l'installazione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

Si riapre la finestra per richiedere il “bonus colonnine”, il contributo per chi ha comprato e installato le infrastrutture di ricarica elettrica nel corso del 2023.

Ebbene, come precisato dal Ministero (mimit.gov.it), le domande da parte dei soggetti beneficiari che hanno acquistato e installato l'infrastruttura di ricarica nel periodo dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2023 possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 15 febbraio 2024 e fino alle ore 12:00 del 14 marzo 2024, utilizzando la piattaforma informatica disponibile online.

Possono beneficiare del contributo le persone fisiche residenti in Italia e i condominii. In particolare, possono beneficiare del contributo per l'acquisto e posa in opera di infrastrutture di ricarica per veicoli alimentati ad energia elettrica gli utenti domestici, ovvero persone fisiche residenti in Italia e condomìni in caso di posa in opera sulle parti di uso comune di cui agli artt. 1117 e 1117-bis c.c., ai sensi dell'art. 1, comma 1, lett. a) del DPCM 4 agosto 2022.

Il bonus colonnine domestiche è un contributo pari all'80% del prezzo di acquisto e posa delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (come ad esempio colonnine o wall box). Il limite massimo del contributo è:

  • di 1.500 euro per gli utenti privati;
  • fino a 8.000 euro in caso di installazione sulle parti comuni degli edifici condominiali.

Per i condomini, a pena di inammissibilità, sono necessari:

  • il codice fiscale del condominio ed estremi del documento d'identità dell'amministratore pro tempore con dichiarazione di quest'ultimo di essere in possesso dei requisiti di legge di cui all'art. 71-bis disp. att. c.c. o del condomino delegato per i condominii fino a 8 partecipanti, in caso di posa in opera sulle parti comuni degli edifici condominiali;
  • delibera assembleare di autorizzazione dei lavori sulle parti comuni di cui agli artt. 1117 e 1117-bis c.c. con la dichiarazione da parte dell'amministratore che tale delibera non è stata impugnata nel termine di cui all'art. 1137 c.c.;
  • copia delle fatture elettroniche relative all'acquisto e all'installazione dell'infrastruttura di ricarica;
  • estratti del conto corrente dal quale risultino i pagamenti connessi alle fatture elettroniche relative all'acquisto e all'installazione dell'infrastruttura di ricarica; i pagamenti dei titoli di spesa oggetto di richiesta di erogazione devono essere effettuati attraverso un conto corrente intestato al soggetto beneficiario ed esclusivamente per mezzo di bonifici bancari oppure mediante SEPA Credit Transfer, oppure mediante carta di credito o di debito intestata al beneficiario del contributo;
  • relazione finale relativa all'investimento realizzato e alle relative spese sostenute;
  • idonea certificazione di conformità rilasciata da un installatore, che attesti l'avvenuta installazione dell'infrastruttura;
  • i dati del conto corrente sul quale richiedere l'accreditamento del contributo.