Il danno da investimento in obbligazioni societarie e la vigilanza dei sindaci

La Redazione
01 Marzo 2024

Il Tribunale di Milano fornisce un’interessante lettura del pregiudizio derivante da un investimento obbligazionario e del nesso causale tra il danno stesso e un eventuale inadempimento del collegio sindacale della società emittente.

In tema di danno da investimento disinformato, il nesso di causalità tra inadempimento e danno sussiste se, ove adeguatamente informato, l'investitore avrebbe desistito dall'investimento rivelatosi poi pregiudizievole.

L’investitore che, con la sua condotta d'investimento, volta a percepire, in piena consapevolezza, un elevato ritorno su uno strumento finanziario che a buona ragione poteva definirsi speculativo, accettando il rischio palese dell’investimento interrompe il nesso causale tra una lamentata negligenza del collegio sindacale della società emittente - asseritamente consistente nel non avere fatto emergere, nell’approvazione del bilancio, lo stato di insolvenza -  e il danno.