La buona fede del paziente nel contratto con la struttura ospedaliera

Redazione Scientifica
10 Febbraio 2017

Il paziente si affida in buona fede non solo alle competenze tecniche specifiche del medico prescelto, ma anche alla professionalità e competenza del personale operante all'interno della struttura.

In tema di responsabilità medica, il paziente nel momento in cui conclude il contratto con il medico e con la struttura ospedaliera si affida in buona fede non solo alle competenze tecniche specifiche del medico prescelto, ma anche alla professionalità e competenza del personale operante all'interno della struttura stessa, nonché alla adeguatezza ed alla capacità di quest'ultima di essere attenta all'operato del chirurgo, all'idoneità della cura e all'esito dell'intervento.