Il Senato approva il Ddl Nordio

La Redazione
14 Febbraio 2024

Durante l'Assemblea di martedì 13 febbraio, il Senato ha approvato il ddl Nordio inerente le “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, all'ordinamento giudiziario e al codice dell'ordinamento militare". 

L'esame ora passa alla Camera.

Con 104 voti a favore e 56 contrari, il ddl Nordio (n. 808), approvato in Consiglio dei Ministri lo scorso 15 giugno, ha superato il primo step. Ora la riforma della giustizia penale passerà alla Camera dove, se non ci saranno eventuali intoppi, sarà approvato definitivamente.

Queste le principali novità:

  • scompare l'abuso d'ufficio;
  • si riduce la portata del traffico di influenze illecite limitato a condotte particolarmente gravi;
  • si ampliano i divieti per i giornalisti in materia di intercettazioni;
  • si punta a una maggiore tutela della privacy;
  • viene introdotto il divieto di ascolto dei colloqui tra indagato o imputato e il suo difensore;
  • il P.M. non potrà più impugnare le sentenze di assoluzione, a meno che non si tratti di reati particolarmente gravi.

Il Guardasigilli ha sottolineato che «la presunzione di innocenza per noi è un sintomo di civiltà. E questo finché io sarò ministro è un principio non negoziabile. Il garantismo è la certezza della pena ma anche l'enfatizzazione della presunzione di innocenza. Il provvedimento di oggi va in questa seconda direzione».